La grande rivale della piastra lisciante è quella cosiddetta a onde, in particolare la piastra onde larghe, sempre più diffusa e richiesta dalle donne.

Creano l’effetto di un movimento morbido e naturale, molto femminile e sexy con classe.

Grazie a strumenti di bellezza disponibili in commercio come la piastra per onde larghe, le donne non hanno più scuse: possono gestire autonomamente i loro capelli, che tanto contribuiscono a renderle belle.

La piastra per capelli onde larghe dà un nuovo significato al termine di ‘capelli ondulati’.

Offerta
Offerta

Bastano pochi minuti per trasformare una donna in una sorta di sirena, quell’effetto onda che tanto piace a Belen Rodriguez.

L’acconciatura assicurata da questo tipo di piastra si chiama anche Beach Waves (ndr: onde da spiaggia) perché ottiene lo stesso effetto del movimento ondulato (onde larghe, regolari e morbide) di quello provocato naturalmente dall’acqua salata, dal sole e dalla salsedine, in spiaggia.

La struttura della piastra onde larghe

Dette anche triferri, le piastre a onda hanno una forma particolare perché sono composte da tre tubi circolari in acciaio (ognuno con un diametro di 3 cm circa): incastrati tra loro, questi tre ferri imprimeranno il movimento a onda stampando la forma sulle ciocche dei capelli.

Sono più grandi, ingombranti e pesanti delle piastre classiche, un po’ più difficili da usare e portare con sé in viaggio, ma chi vuol bella comparire…

Esistono varie tipologie di piastre a onde: la piastra onde larghe, strette, Babyliss, Imetec, a due o a tre ferri, a seconda del risultato che vorrete ‘imprimere’ sulle chiome.

Come usare la piastra onde larghe

Lo step iniziale, che vale per tutte le piastre, è quello di lavare i capelli, tamponarli con l’asciugamano ed asciugarli al naturale o con il phon.

Si procede allisciando ciocca per ciocca, dopo averli pettinati.

Successivamente, dovrete dividere la capigliatura in sezioni diagonali larghe almeno 5 cm e spesse 3-4 cm: ruotate la piastra di 180 gradi in un verso e nell’altro (mantenendola sempre in diagonale).

Dovrete infilare ogni ciocca tra i tubi della piastra per ‘stampare’ le onde.

Attenzione a non far scivolare la piastra sulla ciocca, che deve pressare correttamente sul verso dell’onda.

Se vorrete far durare l’effetto, come sempre fissate i capelli con la lacca, dopo aver usato la piastra onde larghe.

Questo tipo di piastra è indicato per chi ha i capelli molto lunghi, mentre la piastra a onde strette (composta da tubi più piccoli) è perfetta per chi preferisce i caratteristici boccoli o ricci molto stretti.

Offerta
Offerta
Offerta
Offerta
Offerta

Quale piastra per onde larghe non rovina i capelli?

La piastra onde larghe rovina o no i capelli?

Dipende dai materiali con cui viene realizzata: la tomalina e la ceramica sono i migliori materiali perché agiscono delicatamente sui capelli.

Un prodotto professionale non danneggia le chiome, non le brucia e non le sfibra, anzi tomalina e ceramica potrebbero risanare le punte rendendo i capelli più forti, sani e belli.

Prezzi della piastra onde larghe

Prodotte da diversi marchi (Babyliss, Remington, Rowenta ed altri ancora), le piastre a onde vengono commercializzate a prezzi differenti a seconda dell’azienda che le produce ma, in linea generale, non si discostano molto dalle tradizionali piastre per capelli.

Online potrete trovare una buona piastra onde larghe a 40-50 euro (specie su Amazon) anche se, ovviamente, ne esistono di più costose che raggiungono i 90 euro.

Sconsigliamo i modelli troppo economici perché di scarsa qualità: non soltanto non garantiscono gli stessi risultati di quelle professionali ma potrebbero danneggiare i vostri capelli.



Cosa ne pensi?

Hai delle domande su questo prodotto? Hai provato questo prodotto e vuoi esprimere la tua opinione? Questo è il posto giusto. Lascia un commento ora